Overblog
Edit post Segui questo blog Administration + Create my blog

Ancora inciviltà in zona stazione a Novara

Pubblicato su da Grunf

NOVARA, 10 FEB – A fine dicembre timbri e firme erano quelle di numerosi negozianti di corso Garibaldi: scrivevano al sindaco per chiedere «la sistemazione dell’area pedonale» della via in questione, visto che la «scarsa manutenzione» creava anche «problemi di sicurezza». Ciotoli e sassi dappertutto, «usati dai vandali per danneggiare le vetrine». E poi la «scarsa illuminazione», e la «presenza di gruppi di origine africana che stazionano allontanando la clientela». Ora tornano alla carica con una lettera – si fa portavoce il negoziante Matteo Marnati – preannunciando anche una raccolta di firme fra i cittadini. «Il problema della sicurezza nella zona Stazione continua ad essere un serio problema – scrive – Un’ altra vetrina è stata danneggiata volontariamente con il pietrisco presente sul marciapiede. Un negozio è stato svaligiato e i danni ammontano a 1.500 euro. Nella giornata del 6 febbraio è intervenuta per due volte la pattuglia dei Carabinieri per furti da parte di ragazzi di origine marocchina che stazionano sotto i portici di piazza Garibaldi e in via San Francesco d ‘Assisi». Ad avviso dei negozianti «l’intervento, da parte del Comune, di sistemazione delle buche e la spolverata dei lampioni non era per nulla sufficiente. Senza un intervento serio la situazione potrebbe a breve scappare di mano. E’ necessario rendere l’intera area videosorvegliata attraverso telecamere in modo da tutelare tutti i commercianti e i numerosi pendolari che ogni giorno devono subire l’arroganza di coloro che non rispettano le regole e che hanno reso la zona Stazione terra di nessuno. Raccoglieremo ulteriori firme per chiedere l’installazione di telecamere in tutta la zona».

Al di là dell’arredo urbano, non si può certo dire che il problema sicurezza in zona Stazione non sia al centro dell’attenzione delle Forze dell’ordine. Che fanno l’impossibile, e non solo con i mezzi a disposizione, visto che negli ultimi mesi sono stati chiesti e ottenuti anche rinforzi da Torino con reparti dell’Anticrimine. Non si sono più registrati fatti eclatanti, ma ovviamente disturbano singoli episodi di “maleducazione” e inciviltà, o di microcriminalità, peraltro non collegati fra loro e statisticamente più probabili in aree di incontro e passaggio – tantopiù multietniche – quali sono quelle delle Stazioni ferroviarie. Lo conferma Paolo Cortese, comandante della Polizia municipale: «La situazione è costantemente monitorata e l’attenzione resta alta. E’ un luogo di incontro e di scorrimento, e chiaramente ciò moltiplica e enfatizza i singoli episodi. Come Polizia municipale non abbiamo più il punto fisso in piazza Garibaldi, ma siamo costantemente presenti: meglio gli agenti in strada che dentro un ufficio». E in zona c’è praticamente fissa una Volante, senza contare anche i controlli delle altre Forze dell’ordine. E i risultati del gran lavoro non mancano.

Commenta il post