Overblog
Segui questo blog Administration + Create my blog

TAMPA BAY, 300 ANIMALI TENUTI NELLA SPORCIZIA: COPPIA IN CELLA -

Pubblicato su da Grunf

MOLTE SPECIE ESOTICHE, MA ANCHE CANI E SCOIATTOLI

Una coppia di Oldsmar, vicino a Tampa Bay, negli Usa, si trova ad affrontare accuse di crudeltà sugli animali dopo il loro arresto domenica deciso dagli agenti della contea di Pinellas.

Jeffrey O'Neil, 28 anni, e Kovacs Jennifer, 26, sono stati portati in carcere e rimarranno in galera senza cauzione in attesa della loro prima apparizione davanti a un giudice.

Le autorità hanno sequestrata quasi 300 animali di tutte le forme, dimensioni e tipi nella residenza degli imputati al 206 di Lee Street.

Stando al verbale compilato, le forze dell'ordine sono state mandate a casa della coppia poco dopo le 6 in risposta ad una chiamata per denunciare la scomparsa di un bambino. O'Neil e Kovacs hanno chiamato il 911 dopo che non erano riusciti a trovare la piccola di 16 mesi lasciata nelle loro mani.

La coppia pensava che la neonata fosse riuscita a scappare dal suo lettino per poi uscire dalla porta principale. Mentre le autorità hanno trovato in casa una nota lasciata da un parente con i sospetti che la coppia avesse preso la bimba. Per gli investigatori, comunque, la bimba sta bene.

E gli animali? "Ce n'erano numerosi costretti a vivere nella casa nella sporcizia", ha spiegato Jill Purl, un ufficiale della Spca (Society for the prevention of cruelty to animals) di Tampa Bay. "Abbiamo trovato serpenti, conigli, ricci, topi... numerosi animali, anche cani".

Quando le forze dell'ordine sono arrivate nell'abitazione dei due, O'Neil e Kovacs erano sotto l'effetto dell'alcol.

Intanto, Purl ha descritto la scena come un caso di accaparramento degli animali. Gli investigatori, poi, hanno fatto sapere che gli animali sono stati allevati e venduti senza la licenza appropriata richiesta per questo tipo di attività. E i funzionari della Florida Fish and Wildlife Conservation Commission sono stati inviati sul posto per raccogliere alcune delle creature esotiche.

Tra gli animali sequestrati, anche sette pitoni birmani, sette varani, oltre 100 iguana, due tarantole morte, scoiattoli, criceti, porcellini d'India e gerbilli.

Alcuni degli animali venivano tenuti all'aperto e altri sono stati trovati in gabbie all'interno della casa. Proprio circa 90 gabbie sono state portate via dagli agenti della Spca.

Altre accuse nei confronti della coppia potranno essere aggiunte nel prosieguo dell'indagine.

Leggi i commenti

Haunted

Pubblicato su da Ugo Pennati

Leggi i commenti

Benedetto XVI: Non solo spread finanziario, c'è anche quello sociale

Pubblicato su da Grunf

“Recuperare il senso del lavoro e di un profitto a esso proporzionato”

Parole da scolpire nella pietra!!!!

Leggi i commenti

La detestavo :)

Pubblicato su da Ugo Pennati

Quelli che... l'estate andavano in colonia

Quelli che... l'estate andavano in colonia

Leggi i commenti

IL REDDITOMETRO E' UNA FOLLIA - anzi è una CAGATA PAZZESCA

Pubblicato su da Ugo Pennati

Leggi i commenti

Iniziamo a tirare le pietre...

Pubblicato su da Ugo Pennati

Leggi i commenti

Da Courmayeur mi viene meglio..

Pubblicato su da Ugo Pennati

Da Courmayeur mi viene meglio..

FUCK YOU!!!

Leggi i commenti

Ural moto photo

Pubblicato su da Ugo Pennati

Ural moto photo

Leggi i commenti

Hells Angels sfv Charter

Pubblicato su da Ugo Pennati

Leggi i commenti

Ulster: una bandiera il pomo della discordia (Video)

Pubblicato su da Grunf

La Jack Union non sventolerà più tutti i giorni sopra il Comune di Belfast. Ma solo in alcuni giorni predefiniti.

Un affronto per gli unionisti di Belfast. Che, sembra, non attendevano altro per ridar fiato a rancori e divisioni mai superati.

A Belfast tutto è riniziato la notte del 3 dicembre.

Gli Unionisti protestanti, i pro-britannici, e i nazionalisti cattolici, favorevoli all'unione con l'Irlanda, ci hanno messo anni a digerire gli accordi del venerdì santo del 1998, grazie al quale si si sono normalizzati i rapporti tra la provincia ribelle e Londra.

Ci hanno messo almeno dieci anni a disarmare definitivamente i paramilitari dell'Ira.

Ma schemi e mentalità, così come le divisioni di campo, resistono.

La radicalizzazione del conflitto è degli anni Sessanta. La guerra civile inizia nel 1969, una conseguenza quasi inevitabile della divisione dell'isola all'inizio degli anni Venti del secolo scorso.

Anche sei i giovani di oggi, non hanno vissuto i periodi più critici, la violenza degli anni Settanta ha lasciato cicatrici profonde.

Una nuova generazione di militanti nazionalisti, che si definiscono dissidenti dell'Ira, si dice pronta a prendere nuovamente le armi.

Uno schiaffo al parlamento di Belfast e al suo governo che, dopo l'accordo del 1998, rispetta nella sua composizione la rappresentatività di tutti i maggiori partiti.

Dietro i nuovi disordini, si teme ci sia lo zampino di organizzazioni para-militari pro britanniche. Il voto sulla bandiera britannica sembra piû che altro un pretesto.

I realisti-protestanti di Belfast, in numero maggioritario all'epoca della divisione dell'isola, sono oggi per numero uguali agli unionisti-cattolici per ridare fuoco alle polveri.

L'Iralanda del Nord ha conosciuto 30 anni di di violenza fratricida, che ha fatto 3500 morti.

Leggi i commenti

<< < 10 20 30 31 32 33 34 35 36 37 > >>