Overblog
Edit post Segui questo blog Administration + Create my blog

FA DEBITI PER COMPRARE ALLA FIGLIA IL CUCCIOLO, CHE MUORE IN 3 GIORNI

Pubblicato su da Grunf

UNA STORIA ESEMPLARE SUI CANI DALL'EST

E' davvero un caso esemplare quello raccontato oggi dall'"Eco di Bergamo". Per comprare il cagnolino alla figlia disabile, una signora di Lallio si è indebitata ed ha fatto ricorso ad un finanziamento a rate. Ma il cucciolo era in pessime condizioni di salute, tanto che la donna ha pensato di restituirlo al commerciante 24 ore dopo averlo acquistato. Il cagnolino faticosamente ottenuto "in sostituzione" (con l'intervento del Movimento consumatori di Bergamo) è sopravvissuto appena tre giorni e mezzo. Conclusione: la figlia della signora ha perso un compagno di giochi, consigliato anche dai medici per la "pet therapy", e la madre deve comunque onorare il proprio debito. Entrambi gli animali, due femmine di razza spitz nano, provenivano dall'Ungheria ed erano offerti su internet a 800 euro l'uno da un negozio in provincia di Pavia, che ha provveduto anche al finanziamento. Il contratto di vendita prevedeva una garanzia solo in caso di cimurro e di gastroenterite. L'autopsia sul secondo cane, riferisce l' "Eco", ha stabilito che era positivo al coronavirus, potenzialmente causa di gastroenteriti.

Ma perché non accontentarsi di un piccolo meticcio? "Perché mia figlia – spiega la signora al quotidiano bergamasco - fino a quel momento non sembrava in grado di fare richieste. E così quando ha chiesto il cagnolino, indicando la razza e perfino il colore, bianco, l'abbiamo vissuto come una conquista".

Solo un paio di settimane fa, l'on. Michela Vittoria Brambilla aveva chiesto al ministro della Salute Balduzzi di sospendere cautelativamente l'importazione di cuccioli di cane e di gatto dai Paesi dell'est europeo, anche aderenti all'Ue, e di avviare un'approfondita verifica sull'efficacia dei controlli sanitari.

Commenta il post