Overblog
Segui questo blog Administration + Create my blog

attualita

La Francia caccia Arcelor-Mittal: Non rispetta il nostro Paese

Pubblicato su da Grunf

Leggi i commenti

SOTTOMESSI PER SEMPRE...:(

Pubblicato su da Ugo Pennati

SOTTOMESSI PER SEMPRE...:(

Lo Stivale assomiglia sempre più ad una portaerei nucleare a stelle e strisce. Gli alleati sono ospiti, anzi padroni, ma li manteniamo noi, nel senso che il conto in soldoni è a carico dell’ignaro contribuente, compreso l’inquinamento ed i pericoli atomici. Nel «2004 Statistical Compendium on Allied Contributions to the Common Defense» il rapporto ufficiale reso noto dal Dipartimento della difesa degli Stati Uniti, alla pagina «B-10» c’è la scheda che riguarda l’Italia in cui si legge che il contributo annuale alla «difesa comune» versato dall’Italia agli Usa per le «spese di stazionamento» delle forze armate americane è pari a 366 milioni di dollari.

Leggi tutto l'articolo "BASI USA PAGANO GLI ITALIANI"

http://www.informarexresistere.fr/2012/10/14/basi-usa-pagano-gli-italiani/

Leggi i commenti

Genova-Roma, viaggio della speranza per gli operai è il giorno più lungo

Pubblicato su da Grunf

Leggi i commenti

Non ho paura che il mondo finisca nel 2012...

Pubblicato su da Ugo Pennati

Non ho paura che il mondo finisca nel 2012...

Leggi i commenti

L'8% delle nostre auto è senza assicurazione

Pubblicato su da Grunf

Se quelle ladre delle assicurazioni facessero pagare meno...

Io per esempio pago 330,00€ per una ca@@o di 600 e senza mai aver fatto un incidente in vita mia (ho 46 anni)... vi sembra normale?

Non dovre pagare nulla perché fin d'ora ho regalato dei gran soldi alle compagnie assicurative senza ricevere nulla in cambio

Leggi i commenti

Stessi diritti per i figli nati dentro e fuori dal matrimonio

Pubblicato su da Grunf

Era ora!

I figli non devono assolutamente pagare per gli errori dei genitori...

Leggi i commenti

Lavoro: Istat, 842mila donne vittime di ricatti sessuali

Pubblicato su da Grunf

Leggi i commenti

Salvi stipendi dipendenti parchi - Piemonte

Pubblicato su da Grunf

Leggi i commenti

Generazione Identitaria - STOP AL RAZZISMO ANTI BIANCO (Video)

Pubblicato su da Grunf

Leggi i commenti

Una vita senza barriere (Video)

Pubblicato su da Grunf

"Meno il mondo intorno a te è accessibile, più handicappato ti senti".

E' quanto sostiene lo sciatore paralimpico Kees-Jan van der Klooster, che ci ha accompagnato nel centro di Amsterdam per scoprire le battaglie quotidiane di chi è su una sedia a rotelle.

"Troppo spesso -dichiara la nostra reporter Monica Pinna - dovremmo trasformarci in atleti per superare gli ostacoli che le nostre città ci presentano. Per i disabili queste barriere possono diventare insormontabili. L'accessibilità è ancora una meta lontana in Europa, sebbene sempre più città ne stiano facendo una priorità".

Il motto di Kees-Jan van der Klooster è: " vivi senza limiti". E ci riesce, nonostante sia rimasto paralizzato nel 2001 in un incidente di snowbord. Da allora ha vinto l'oro ai Winter X Games del 2008 e insegna ai bambini come trasformare la sedia a rotelle in un alleato, per muoversi in un mondo che non sempre risponde alle loro necessità. Anche quelle più elementari, come K-J ci ha dimostrato andando alla ricerca di un ristorante e di un bagno nel centro di Amsterdam.

Kees-Jan van der Klooster:

"Bé, quello che mi succede di solito, quando vedo un bel ristorantino, è che mi ritrovo degli scalini davanti. Questi in realtà non sono troppo alti, ma vediamo cosa hanno per pranzo e se riesco ad entrare".

Il primo tentativo di K-J non va a buon fine. Due rampe di scale lo separano dal bagno. La cameriera lo indirizza al ristorante accanto dove torva un'altra porta e altri scalini.

Il secondo tentativo di K-J va meglio, ma anche qui il pranzo e i servizi sono una conquista.

Kees-Jan van der Klooster:

"Possiamo mangiare lassù... Mi viene da ridere".

Un semplice scivolo avrebbe potuto evitare tutto questo, ma la legislazione nei Paesi Bassi, come in molti altri paesi europei, non impone regole chiare su come e quando edifici pubblici già esitenti dovrebbero essere rinnovati per essere accessibili. Se la legge esiste, spesso viene ignorata perché ci sono pochi controlli e sanzioni. Alla fine K-J riesce a raggiungere la meta.

Kees-Jan van der Klooster:

"Questo è l'interno del bagno. In realtà sono abbastanza contento, perché con la mia piccola sedia a rotelle risco ad entrare, ma con una sedia a rotelle elettrica sarebbe impossibile usare i servizi di questo ristorante. Ed è un peccato perché si mangia bene, è un posto accogliente, ma in quanto ad accessibilità, humm.. "

Tre scalini che K-J ha saltato in un attimo, per molte persone in sedia a rotelle sono abbastanza da rinunciare a un pranzo fuori tra amici.

Kees-Jan van der Klooster:

"Veramente pochi disabili si muovono attivamente nella società. Specialmente chi è su una sedia a rotelle preferisce stare a casa. Quando ci saranno più disabili in giro nelle nostre città, forse anche le attività commerciali si renderanno conto che è necessario rendere i loro spazi più accessibili".

La Spagna è tra i paesi più attivi in termini di accessibilità, grazie anche alla Fundaciòn ONCE, un pilastro dell'integrazione sociale per i disabili. Varie città spagnole si sono fatte notare a livello internazionale, come Avila, che ha vinto la prima edizione del premio europeo per le città accessibili.

Abbiamo incontrato il direttore dell'Accessibilità della Fundaciòn ONCE a Madrid, nel centro culturale che ospita la loro IV Biennale di Arte Contemporanea. Jesús è tra i giurati dell' Access City Award, un punto di osservazione privilegiato per capire in che misura l'accessibilità è presa in considerazione nella pianificazine urbana, nella cultura e nelle nuove tecnologie.

Jesús Hernández-Galán, Direttore dell'Accessibilità per la Fundaciòn ONCE

"Le città europee stanno lavorando per essere più accessibili, ma hanno ancora un lungo percorso davanti. Ci sono miglioramenti, ma avvengono molto lentamente. A livello europeo, abbiamo bisogno di una legge sull'accessibilità, dobbiamo armonizzare le normative negli Stati Membri, in modo che tutti i paesi possano muoversi nella stessa direzione".

Monica Pinna:

"La Fundaciòn Once in Spagna collabora attivamente con scuole e studi di architettura per progettare città più accessibili ed evitare che gli spazi urbani si trasformino in veri e propri labirinti".

Leggi i commenti

<< < 1 2 3 4 5 6 7 8 9 10 > >>