Overblog
Segui questo blog Administration + Create my blog

tv

Scooby Doo: 50 anni e non sentirli

Pubblicato su da Grunf

Leggi i commenti

VIDEO > GIORNALISTA AGGREDITA: #‎CENTINAIO‬ (LN), VICENDA GRAVISSIMA. LIBERARE QUARTIERE DA DELINQUENZA

Pubblicato su da Grunf

ROMA, 15 GIUGNO - "Quanto accaduto stamattina alla giornalista di Agorà Sara Mariani è intollerabile. Ci sono zone di Roma inaccessibili perché ostaggio della criminalità. Il Prefetto dov'è? Intervenga immediatamente per contrastare le intimidazioni. La gente per bene di quel quartiere ha diritto di vivere libera da delinquenza, minacce e spaccio. L'aggressione alla giornalista di Agorà ha confermato una situazione esplosiva per la Città che denunciamo da tempo".

Lo dichiara Gian Marco Centinaio, capogruppo della Lega Nord al senato.

Leggi i commenti

BBC, CARNE NON IDENTIFICATA NEI CIBI: NON UMANA, FORSE DI CANE

Pubblicato su da Grunf

Un programma della Bbc ha denunciato uno scandalo in grado di oscurare quello della carne di cavallo spacciata per manzo. Gli autori di "The Horsemeat Banquet" hanno sottoposto ad analisi una serie di popolari cibi da asporto, trovando ingredienti di tutti i tipi, fra cui una carne "non identificata". Nel programma si precisa - scrive Leggo.it - che non si tratta di carne umana ma potrebbe trattarsi di cane. E questa non è l'unica allarmante scoperta fatta dalla tv di Stato inglese: alcuni hamburger di manzo, in realtà di bovino, contenevano solo sangue, mentre una porzione di manzo alla cinese aveva dentro sangue di pollo e frattaglie non meglio identificate.
"Questa scoperta è a dir poco terrificante - ha detto Surinder Phull, nutrizionista del programma - non è possibile mangiare carne di cui non si conosce l'origine e che potrebbe anche contenere pericolosi batter
i".

Leggi i commenti

Provini in cambio di favori sessuali, Le iene a Baveno

Pubblicato su da Grunf

Provini per entrare nel mondo dello spettacolo in cambio di prestazioni sessuali: un’inchiesta del programma “Le Iene” è arrivata sulle sponde del lago Maggiore. La troupe, circa due settimane fa, ha fatto tappa a Baveno per smascherare un uomo che, assicurando conoscenze negli ambienti che contano del mondo dello spettacolo, convocherebbe giovani aspiranti attrici, veline o modelle offrendo loro provini in cambio di “attenzioni particolari”. Un’attrice per conto del programma satirico ha contattato l’uomo e gli ha dato appuntamento in un ristorante di Baveno. Lì la finta aspirante celebrità si è presentata insieme a un operatore tv con una telecamera nascosta. A un certo punto dell’incontro l’uomo l’avrebbe invitata a uscire per parlare in privato, ma sembra che lì qualcosa sia andato storto: forse ha capito che si trattava di una trappola e si è allontanato velocemente. A quel punto le due “Iene” l’hanno rincorso, senza riuscire più a raggiungerlo. Della vicenda si sono interessati anche i carabinieri. Il servizio al momento non è ancora andato in onda nell’appuntamento della domenica sera su Italia Uno. Non è la prima volta che “Le Iene” arrivano sul lago Maggiore. Quasi un anno fa avevano girato un servizio sulle sale gioco a Verbania dopo il ricorso al Tar contro il regolamento del Comune per la limitazione dell’utilizzo dei videopoker.

Leggi i commenti

Don nello giraudo il prete pedofilo smascherato dalle iene

Pubblicato su da Grunf

Nei giorni in cui la Chiesa vive un momento di grande agitazione per le dimissioni di O’Brien, il cardinale autoesclusosi dal conclave dopo le accuse di “comportamenti inappropriati”, un nuovo caso minaccia il Vaticano e ancora più da vicino l’emerito papa Joseph Ratzinger.

Quando fu prefetto della Congregazione per la Dottrina della Fede, organo deputato alla vigilanza della correttezza della dottrina cattolica, Ratzinger era a conoscenza dei fatti di pedofilia che si erano verificati nella Diocesi di Savona. Ma non aveva mai denunciato i fatti alla magistratura. Tutto questo è dimostrabile dai documenti giunti presso la redazione del quotidiano Il Secolo XIX, sequestrati circa un anno fa presso la Procura savonese e prelevati dalla Curia della città ligure.

I documenti dimostrano che Ratzinger, due anni prima dell’elezione a pontefice, fosse a conoscenza dei casi di pedofilia che si erano verificati nella Diocesi di Savona. Il Secolo XIX pubblica parte della lettera che il cardinale Domenico Calcagno, ai tempi vescovo della Diocesi di Savona, indirizza a Joseph Ratzinger, nella quale chiede «la cortesia di un consiglio circa l’atteggiamento da tenere, intendendo il Sacerdote continuare con un impegno pastorale». Inoltre aggiunge «Per quanto possibile, intendo evitare che abbia comunque responsabilità che lo mettano a contatto di bambini o adolescenti». La lettera riguarda Nello Giraudo, il parroco della diocesi savonese, sollevato dall’incarico nel 2012, in quanto indagato dalla procura su una serie di casi di pedofilia che poi lo hanno visto patteggiare un anno di carcere per abusi sessuali compiuti nel 2005, ai danni di una minorenne.

Ieri in tarda serata è andata in onda l’inchiesta della iena, Pablo Trincia, dal titolo “Abusi nascosti dalla Chiesa”, in cui è stata ricostruita una drammatica pagina della storia della Chiesa. Oltre agli interventi delle vittime, sono stati accostati i documenti sequestrati dalla Procura, in cui oltre al nome di Calcagno, compaiono anche i nomi dei vescovi Giulio Sanguineti e Dante Lanfranconi.

Da quello che si evince l’unica preoccupazione della Curia in questi anni è stata quella di salvaguardare l’immagine della diocesi, con il tentativo di mantenere la situazione sotto controllo dal momento che «nulla è trapelato sui giornali e non ci sono denunce in corso», si legge nella lettera di Calcagno a Ratzinger.

Dagli anni ’80 in poi Don Giraudo è stato spostato da una parrocchia all’altra dove ha continuato ad “operare” indisturbato, fin quando non sono arrivate le denuncie che hanno costretto la chiesa a sollevarlo dall’incarico.

Leggi i commenti

Grillo chiede di allontanarsi a un operatore del tg3 :) (Video)

Pubblicato su da Grunf

Grillo prima chiede generalita' e poi chiede di allontanarsi dal palco a un operatore del tg3.

Leggi i commenti

RAI SENZA VERGOGNA!!!!

Pubblicato su da Ugo Pennati

RAI SENZA VERGOGNA!!!!

Leggi i commenti

Foibe: domenica programmazione speciale Rai per Giorno Ricordo + Foto album

Pubblicato su da Grunf

Roma, 9 feb - In memoria dei martiri delle foibe e dei profughi giuliani, istriani e dalmati, una programmazione speciale attraversera', domenica 10 febbraio, il palinsesto dei canali generalisti e specializzati delle testate Rai, televisive, radiofoniche e web.

Un impegno il servizio pubblico ripete per il nono anno consecutivo, in occasione del ''Giorno del ricordo'', istituito con la Legge n. 92 del 2004, ricorrenza civile che si celebra appunto il 10 febbraio per non dimenticare un periodo drammatico della nostra storia per troppo tempo sottaciuto.

Dopo l'armistizio dell'8 settembre e fin dopo la primavera del 1945, 350mila italiani furono perseguitati e costretti a lasciare le loro case in Istria e Dalmazia e molti altri fucilati e gettati nelle voragini carsiche perche' considerati ''nemici del popolo'' dalle milizie partigiane del maresciallo Tito. Le trasmissioni in tv e alla radio rievocheranno quei tragici eventi con film e fiction, servizi e approfondimenti in una lunga staffetta informativa.

La programmazione, pensata da reti e testate, e' partita giovedi' 7 febbraio su Rai3, con Geo&Geo che ha ospitato in studio lo storico dell'arte Costantino D'Orazio per parlare della Foiba di Vasovizza, dichiarata monumento nazionale nel 1992. E' proseguita su Rai2 nella puntata dei Fatti Vostri dell'8 febbraio, con ospiti in studio Nicolo' Molea, figlio del maresciallo Domenico Molea, una delle prime vittime della violenza titina, e lo scrittore Diego Zandel, nato nel 1948 nel campo profughi di Servigliano (Marche) che raccoglieva gli esuli italiani dell'Istria, Fiume e Dalmazia in fuga dalla Jugoslavia di Tito.

Sempre su Rai2, il Tg2 Storie, condotto da Maria Concetta Mattei, in onda sabato 9 febbraio alle 24.15 su Rai2, proporra' un reportage di Marco Bezmalinovich. Nel Giorno del Ricordo, poi, una serie di programmi si alterneranno sulle diverse reti. Rai1 ritrasmettera', nella notte tra domenica 10 e lunedi' 11 febbraio, una delle fiction piu' belle e di successo interpretate da Giuseppe Fiorello, con Leo Gullotta e Antonia Liskova, ''Il cuore nel pozzo''.

Nel pluripremiato film di Alberto Negrin, le ultime convulse fasi della Seconda Guerra mondiale in Istria, la tragedia della comunita' italiana e degli infoibati, raccontate attraverso gli occhi di un bambino in fuga che annota sul diario gli orrori vissuti.

Rai Educational, il 10 febbraio, alle 24.00 e in replica alle ore 8.30, 13.30 e alle 20.30, trasmettera' su Rai Storia - Digitale terrestre e Tivu'Sat, per Res Gestae - Fatti e Personaggi, il racconto di Roberto Napoletano, direttore de ''Il sole 24 ore'', che ricorda quando il Parlamento italiano scelse il 10 febbraio come Giorno in memoria delle vittime delle foibe e degli esuli istriano-dalmati, costretti ad abbandonare le loro case dopo la cessione di Istria, Fiume e Zara alla Jugoslavia, a seguito della sconfitta dell'Italia nella seconda guerra mondiale.

Il canale Rai Premium trasmettera', invece, in prima e seconda serata il film di Michele Soavi ''Il sangue dei vinti'', ispirato al libro di Giampaolo Pansa, con Michele Placido e Barbora Bobulova nella versione televisiva in due parti.

In questa giornata tutte le edizioni di Tg e Gr si occuperanno dell'argomento. In particolare il tema sara' ricordato con servizi della TGR, in Buongiorno Regione e nel Settimanale del Friuli Venezia Giulia. Il Tg1 se ne occupera' anche lunedi' 11 febbraio alle 9.05 in una puntata del Tg1Storia nella quale Roberto Olla proporra' estratti dell'intervista a Graziano Udovisi, unico sopravvissuto alle foibe. Nell'occasione saranno utilizzati i filmati originali girati nel 1945 dai vigili del fuoco durante le prime riesumazioni nelle foibe d'Istria. Lunedi' 11, inoltre, RaiNews a partire dalle 12.00 seguira' in diretta dal Quirinale, la celebrazione ufficiale del Giorno del Ricordo, alla presenza del Capo dello Stato Giorgio Napolitano.

Per Televideo sara' la redazione Cronaca e Cultura a realizzare uno speciale pubblicato alla pagina 180. Sul tema sara', inoltre, curato un approfondimento specifico che trovera' posto sul sito web della Testata. Sul web anche un grande Speciale Giorno del Ricordo proposto da Rai.tv.

La radio dedichera' alla ricorrenza spazi di approfondimento nella giornata di domenica 10 febbraio. Su Radio1, in diretta dalle 10.10 alle 11.00, ''Speciale Giornale Radio sul giorno del Ricordo'' a cura del vicedirettore della rete Stefano Mensurati. Inoltre, all'interno di tutte le edizioni del Gr1, notizie e approfondimenti sull'anniversario.

Diretta anche su Radio2 all'interno del programma ''Radio2 Days'', dalle 18.00 alle 19.30, con Michele Cucuzza. Radio3 dedichera' alle foibe il Concerto in diretta dal Quirinale, che si terra' a partire dalle 11.50 nella Cappella Paolina.

Infine Gr Parlamento si occupera' dell'argomento sempre domenica, dalle 9.30 alle 10.30 nella rubrica ''Pagine in frequenza'' e dalle 15.00 alle 15.15 nella rubrica ''I libri a Grp''.

Foibe: domenica programmazione speciale Rai per Giorno Ricordo + Foto album
Foibe: domenica programmazione speciale Rai per Giorno Ricordo + Foto albumFoibe: domenica programmazione speciale Rai per Giorno Ricordo + Foto albumFoibe: domenica programmazione speciale Rai per Giorno Ricordo + Foto album
Foibe: domenica programmazione speciale Rai per Giorno Ricordo + Foto albumFoibe: domenica programmazione speciale Rai per Giorno Ricordo + Foto albumFoibe: domenica programmazione speciale Rai per Giorno Ricordo + Foto album
Foibe: domenica programmazione speciale Rai per Giorno Ricordo + Foto albumFoibe: domenica programmazione speciale Rai per Giorno Ricordo + Foto albumFoibe: domenica programmazione speciale Rai per Giorno Ricordo + Foto album
Foibe: domenica programmazione speciale Rai per Giorno Ricordo + Foto album
Foibe: domenica programmazione speciale Rai per Giorno Ricordo + Foto album
Foibe: domenica programmazione speciale Rai per Giorno Ricordo + Foto album
Foibe: domenica programmazione speciale Rai per Giorno Ricordo + Foto album
Foibe: domenica programmazione speciale Rai per Giorno Ricordo + Foto album
Foibe: domenica programmazione speciale Rai per Giorno Ricordo + Foto album
Foibe: domenica programmazione speciale Rai per Giorno Ricordo + Foto album
Foibe: domenica programmazione speciale Rai per Giorno Ricordo + Foto album
Foibe: domenica programmazione speciale Rai per Giorno Ricordo + Foto album
Foibe: domenica programmazione speciale Rai per Giorno Ricordo + Foto album

Leggi i commenti

Capitan Ventosa al Tecnoparco del Lago Maggiore

Pubblicato su da Grunf

“Capitan Ventosa” al Tecnoparco del Lago Maggiore. Motivo: la presentazione della produzione di Green diesel dalla frazione organica dei rifiuti, un progetto di ricerca voluto da Vco Trasporti. Obiettivo: poterlo utilizzare nel rifornimento degli automezzi dell’azienda di trasporto pubblico locale. “Capitan Ventosa” ha intervistato il Presidente di VCO TRASPORTI S.r.l. Roberto Tomatis e parte dello staff di ricercatori protagonisti dello studio di fattibilità voluto dalla stessa VCO TRASPORTI S.r.l. : il prof. Gabriele Ricchiardi la dott. Simona Brini. L’intervista è avvenuta nella piazza della sede della Provincia del Verbano Cusio Ossola (Tecnoparco) a bordo di uno dei mezzi di Vco Trasporti ed all’interno del laboratorio della Nanoireservice partner di GreenLab (laboratorio qualificato dal Ministero dell’Istruzione, Università e Ricerca) che ha condotto la ricerca studio. Il servizio ha riportato l’importanza di questa ricerca e la soluzione che porterebbe con sé notevoli vantaggi, sia da un punto di vista economico che ambientale, e che VCO Trasporti ha voluto esplorare, sotto l’egida della Provincia del Verbano Cusio Ossola. Nei prossimi giorni il servizio sarà inserito nel palinsesto informativo del programma di Striscia La Notizia

Leggi i commenti

Anna Finocchiaro insulta le bidelle a Porta a Porta

Pubblicato su da Grunf

Proprio lei che farebbe meglio a fare la bidella..

questa è la sinistra.... "sempre dalla parte dei lavoratori" .-D

Meditate gente quando sarete nel seggio!

Leggi i commenti

1 2 > >>