Overblog
Edit post Segui questo blog Administration + Create my blog

TORINO, BLITZ GDF: SEQUESTRATI 24 CUCCIOLI IN ARRIVO DALL'UNGHERIA

Pubblicato su da Grunf

HANNO DUE MESI O POCO PIÙ. DUE DENUNCIATI

Traffico di cuccioli provenienti dall'Ungheria e dalla Slovacchia e venduti in tre negozi di animali di Torino. A scoprire il traffico dei cagnolini è stata la Guardia di Finanza di Torino che, durante l'operazione denominata "Snoopy", ha sequestrato 24 cuccioli che avevano un'età compresa fra i 60 e i 75 giorni, di molto inferiore a quella dichiarata.

Il controllo dei documenti esibiti ed una visita agli animali hanno consentito di rilevare la falsità dei dati anagrafici dei cuccioli riportati sui passaporti di accompagnamento. Tra le razze sotto sequestro, bichon frisé, bulldog, carlini, cavalier king, chihuahua, maltesi e west highland. Denunciati due commercianti per traffico illecito di animali da compagnia.

L'onorevole Michela Vittoria Brambilla, presidente della Lega Italiana per la Difesa degli Animali e dell'Ambiente (Le.I.D.A.A), ringrazia il comandante provinciale di Torino, Gen. Gerli e l'intera Guardia di Finanza che, insieme con il responsabile del settore maltrattamenti della sua associazione animalista Antonio Colonna, ha portato a termine un'importante operazione. "La nostra associazione - spiega l'ex ministro del Turismo - è da sempre in prima linea per contrastare questi reati ai danni di piccole creature indifese e sono felice che anche questa ultima operazione a Torino, come la precedente da noi promossa nel Salernitano, abbia potuto contare sul prezioso sostegno delle Forze dell'Ordine e abbia consentito di mettere in salvo i cagnolini". L'onorevole Brambilla sottolinea, inoltre, l'efficacia repressiva della legislazione introdotta sotto il IV governo Berlusconi per contrastare il traffico illecito di animali da compagnia provenienti soprattutto da Paesi dell'est europeo: un grave fenomeno zoomafioso, condotto da delinquenti spesso molto pericolosi, che genera un giro d'affari di circa 300 milioni l'anno. "A poco più di due anni dall'entrata in vigore - osserva la parlamentare, capolista del Pdl in Emilia-Romagna - la norma contenuta nella legge di ratifica della convenzione europea sulla protezione degli animali da compagnia si e' dimostrata un prezioso strumento di tutela per gli animali e di garanzia per gli stessi compratori, spesso ingannati da commercianti senza scrupoli".

Commenta il post