Overblog
Edit post Segui questo blog Administration + Create my blog

Un fantasma in Castello? A Galliate arrivano i ghostbusters (Foto-gallery)

Pubblicato su da Grunf

“ghostbusters” in Castello? Alla ricerca di spettri e fantasmi che ancora si aggirerebbero tra le antiche mura? «Tra tutte le richieste pervenutemi in quasi quattro anni, questa è di gran lunga la più inconsueta»: e il sindaco Davide Ferrari, in genere, non è uno che si stupisce facilmente… Ma quella che gli è giunta dall’Epas (European Paranormal Activity Society) è ben lungi dall’essere uno scherzo. Il gruppo – che, come si legge nella missiva inviata al sindaco – da tempo documenta “fenomeni che si manifesterebbero in posti di significato storico importante e in luoghi che per eventi trascorsi inducono a pensare che vi possano essere tali manifestazioni” – assicura di svolgere “indagini assolutamente a scopo scientifico”, con l’ausilio di attrezzature come “video camere, rilevatori di campi elettromagnetici, rilevatori di temperatura, telecamere a circuito chiuso a visione notturna e rilevatori di movimento”. E dopo aver operato – “con risultati sorprendenti” – in luoghi come il Castello di Trezzo sull’Adda, la Fortezza di Bardi, il Castello in località Saint Marcel, il Castello di Lerici, e ancora a Palazzo Rubini di Gradara, Rocca Maggiore di Assisi, Castell’Arquato, Narni e Vigevano, la richiesta è ora quella di effettuare un’indagine al maniero visconteo-sforzesco di Galliate. “A seguito – scrivono al sindaco – di segnalazioni da parte di nostri fans”.

Che dunque davvero un fantasma si aggiri tra le mura del Castello che sorse per volere di Galeazzo Maria Sforza dal 1476 sulle basi di una precedente fortezza viscontea? D’altronde, come per tutti i monumenti avvolti da un alone di fascino e mistero, le leggende non mancano. E qualche anno fa anche la Pro loco, in occasione del Carnevale, aveva “rispolverato” il fantasma, creando il personaggio del “Fantasgal”, sotto le cui vesti si celava il vulcanico Oliviero Airoldi.

Al “fantasma” del Castello è dedicato anche un intero capitolo della pubblicazione “Il Castello di Galliate nella storia del Borgo”, edita diversi anni fa dal Comune e ancora in vendita. Nel quale è riportata la testimonianza di Maria Novarini, che fino agli anni ’70 aveva abitato proprio nell’ala Nord Ovest del Castello e che, con parole da abile fabulatrice, dà voce alla leggenda: “Un pallido spettro aleggiava tra le torri. ‘Lo spettro, lo spettro!’ era il grido, e risuonava sinistro, si disperdeva per le contrade. Era l’ombra di Gian Galeazzo (Sforza, ndr). Si manifestava là dove la storia l’avrebbe voluto signore (e invece pare fosse morto avvelenato a Pavia senza poter godere degli agi del Castello di cui era divenuto propietario, ndr). La paura era in tutti. Si smetteva il lavoro, le botteghe venivano chiuse…”

Riusciranno i novelli “cacciatori di fantasmi” a incontrare l’ombra errabonda di Gian Galeazzo? Il sindaco, intanto, dà il suo “placet”: «Ben venga la richiesta di questa associazione tanto più perchè gratuita! In fondo, se Galliate ha un castello, non vedo perchè questo non dovrebbe avere il suo fantasma! Al di là della curiosità e della simpatia, credo che ogni iniziativa che metta al centro il Castello di Galliate non potrà che contribuire alla sua promozione»

Un fantasma in Castello? A Galliate arrivano i ghostbusters (Foto-gallery)
Un fantasma in Castello? A Galliate arrivano i ghostbusters (Foto-gallery)Un fantasma in Castello? A Galliate arrivano i ghostbusters (Foto-gallery)
Un fantasma in Castello? A Galliate arrivano i ghostbusters (Foto-gallery)Un fantasma in Castello? A Galliate arrivano i ghostbusters (Foto-gallery)Un fantasma in Castello? A Galliate arrivano i ghostbusters (Foto-gallery)
Un fantasma in Castello? A Galliate arrivano i ghostbusters (Foto-gallery)Un fantasma in Castello? A Galliate arrivano i ghostbusters (Foto-gallery)Un fantasma in Castello? A Galliate arrivano i ghostbusters (Foto-gallery)
Commenta il post