Overblog
Segui questo blog Administration + Create my blog

Risaie allagate

Pubblicato su da Ugo Pennati

Leggi i commenti

Ugo Pennati added a new photo.

Pubblicato su da Ugo Pennati

Ugo Pennati added a new photo.

Leggi i commenti

Bangkok chiede bando della zuppa di squalo (foto gallery horror)

Pubblicato su da Grunf

Bangkok chiede bando della zuppa di squalo (foto gallery horror)
Bangkok chiede bando della zuppa di squalo (foto gallery horror)Bangkok chiede bando della zuppa di squalo (foto gallery horror)
Bangkok chiede bando della zuppa di squalo (foto gallery horror)Bangkok chiede bando della zuppa di squalo (foto gallery horror)Bangkok chiede bando della zuppa di squalo (foto gallery horror)
Bangkok chiede bando della zuppa di squalo (foto gallery horror)Bangkok chiede bando della zuppa di squalo (foto gallery horror)Bangkok chiede bando della zuppa di squalo (foto gallery horror)
Bangkok chiede bando della zuppa di squalo (foto gallery horror)
Bangkok chiede bando della zuppa di squalo (foto gallery horror)Bangkok chiede bando della zuppa di squalo (foto gallery horror)
Bangkok chiede bando della zuppa di squalo (foto gallery horror)

Contro il 'commercio illegale di natura' si è aperta a Bangkok la conferenza mondiale del Cites, la Convenzione sul commercio internazionale delle specie di flora e fauna in via di estinzione, che fa parte delle attività Onu per l'ambiente (Unep). In Thailandia è stata lanciata una campagna contro la vendita e il consumo di zuppa di pinne di squalo, considerata una prelibatezza tradizionale cinese. La domanda di pinne di squalo ha portato ad un catastrofico declino di alcune specie di squali che sono stati ridotti del 99 per cento dal 1950. La protezione internazionale per gli squali verrà proposta alla riunione in corso a Bangkok fino al 14 Marzo 2013.

Leggi i commenti

Diciannovenne impiccata ad Adrano arrestato l'ex fidanzato dopo tre anni

Pubblicato su da Grunf

Il papà di Valentina lo aveva sempre sostenuto. Sua figlia, una bella ragazza di 19 anni, trovata impiccata in una villetta alla periferia di Adrano nel luglio 2010, non si è suicidata ma è stata uccisa. La svolta nelle indagini sulla morte di Valentina Salamone, indagini subto archiviate come suicidio e riaperte solo qualche mese fa su richiesta della famiglia, è arrivata questa mattina con l'arresto di Nicola Mancuso, l'ex fidanzato della ragazza.

A fornire le prove delle responsabilità potrebbero essere state le tracce di sangue rilevate dal Ris nella villetta a più di due anni e mezzo di distanza. Tracce di sangue rilevate nella casa ma anche sulle scarpe della ragazza. Nell'immediatezza dei fatti nessuno aveva fatto dei rilievi in casa e la morte di Valentina era stata subito liquidata come suicidio.

La famiglia Salamone ha sempre sostenuto che in molti, anche le amiche di Valentina, hanno mentito su quello che accadde quella sera nella villetta di Adrano, nella disponibilità di due pregiudicati, dove si era tenuta una festa alla quale avevano partecipato otto persone, tra alcol e droga.

Valentina e Nicola avevano una relazione: Nicola, sposato, avrebbe manifestato l'intenzione di liberarsi di lei. "Questa sta esagerando, mi rovina, la dobbiamo sistemare", avrebbe detto. Qualcuno avrebbe raccontato che Valentina, forse per fare pressione su di lui, gli avrebbe detto di essere incinta. Ora la svolta nelle indagini e la conferma dei sospetti della famiglia, Valentina fu uccisa e il suo suicidio fu simulato.

Leggi i commenti

Don nello giraudo il prete pedofilo smascherato dalle iene

Pubblicato su da Grunf

Nei giorni in cui la Chiesa vive un momento di grande agitazione per le dimissioni di O’Brien, il cardinale autoesclusosi dal conclave dopo le accuse di “comportamenti inappropriati”, un nuovo caso minaccia il Vaticano e ancora più da vicino l’emerito papa Joseph Ratzinger.

Quando fu prefetto della Congregazione per la Dottrina della Fede, organo deputato alla vigilanza della correttezza della dottrina cattolica, Ratzinger era a conoscenza dei fatti di pedofilia che si erano verificati nella Diocesi di Savona. Ma non aveva mai denunciato i fatti alla magistratura. Tutto questo è dimostrabile dai documenti giunti presso la redazione del quotidiano Il Secolo XIX, sequestrati circa un anno fa presso la Procura savonese e prelevati dalla Curia della città ligure.

I documenti dimostrano che Ratzinger, due anni prima dell’elezione a pontefice, fosse a conoscenza dei casi di pedofilia che si erano verificati nella Diocesi di Savona. Il Secolo XIX pubblica parte della lettera che il cardinale Domenico Calcagno, ai tempi vescovo della Diocesi di Savona, indirizza a Joseph Ratzinger, nella quale chiede «la cortesia di un consiglio circa l’atteggiamento da tenere, intendendo il Sacerdote continuare con un impegno pastorale». Inoltre aggiunge «Per quanto possibile, intendo evitare che abbia comunque responsabilità che lo mettano a contatto di bambini o adolescenti». La lettera riguarda Nello Giraudo, il parroco della diocesi savonese, sollevato dall’incarico nel 2012, in quanto indagato dalla procura su una serie di casi di pedofilia che poi lo hanno visto patteggiare un anno di carcere per abusi sessuali compiuti nel 2005, ai danni di una minorenne.

Ieri in tarda serata è andata in onda l’inchiesta della iena, Pablo Trincia, dal titolo “Abusi nascosti dalla Chiesa”, in cui è stata ricostruita una drammatica pagina della storia della Chiesa. Oltre agli interventi delle vittime, sono stati accostati i documenti sequestrati dalla Procura, in cui oltre al nome di Calcagno, compaiono anche i nomi dei vescovi Giulio Sanguineti e Dante Lanfranconi.

Da quello che si evince l’unica preoccupazione della Curia in questi anni è stata quella di salvaguardare l’immagine della diocesi, con il tentativo di mantenere la situazione sotto controllo dal momento che «nulla è trapelato sui giornali e non ci sono denunce in corso», si legge nella lettera di Calcagno a Ratzinger.

Dagli anni ’80 in poi Don Giraudo è stato spostato da una parrocchia all’altra dove ha continuato ad “operare” indisturbato, fin quando non sono arrivate le denuncie che hanno costretto la chiesa a sollevarlo dall’incarico.

Leggi i commenti

Blitz dei carabinieri di Monza: in manette politici e camorristi

Pubblicato su da Grunf

Arresti e perquisizioni in corso da parte dei carabinieri del gruppo di Monza che stanno eseguendo, in varie provincie della Lombardia e della Campania, un'ordinanza di misura cautelare nei confronti di 43 componenti un'associazione per delinquere finalizzata alla commissione di gravi delitti come rapine, estorsioni, usura, furti, ricettazione, riciclaggio, spaccio di banconote false, detenzione illecita di sostanze stupefacenti e di armi e di reati contro la pubblica amministrazione. A capo dell'organizzazione c'era Giuseppe Esposito dalle cui intercettazioni telefoniche emerge un quadro di completo controllo della camorra sull'area monzese. L'organizzazione aveva anche fissato un tariffario per i voti che andava dai 30 euro per il voto singolo ai 50 euro per quello di una famiglia.

Tra gli arrestati l'ex assessore all'Ambiente e al Patrimonio del Comune di Monza, Giovanni Antonicelli (Pdl) considerato dai pm contiguo all'organizzazione. Il gruppo criminale, con base a Monza, secondo l'inchiesta dalla Procura della Repubblica del capoluogo brianzolo, era in contatto con esponenti di clan camorristici del napoletano, in particolare i Gionta e i Mariano.

Due i fronti sui quali la magistratura di Monza, coordinata dal sostituto procuratore Salvatore Bellomo, ha concentrato le attenzioni nei confronti dell'ex assessore. Il primo è relativo alla manutenzione degli alloggi Aler, incarico affidato alla Pmg; il secondo riguarda la raccolta dei rifiuti nel capoluogo brianzolo, da anni affare della Sangalli.

Secondo gli investigatori, in cambio di voti a favore di Antonicelli le commesse sarebbero finite nelle mani di imprese riconducibili a personaggi legati alla camorra. In sostanza, per gli investigatori nella macchina amministrativa monzese, e più in generale brianzola, “a più livelli, si sarebbero riprodotti gli stessi schemi dei clan camorristici”.

A giugno, la guardia di finanza si era presentata in Comune per acquisire materiale proprio sugli appalti delle case popolari e della raccolta rifiuti. Un passo a cui si era arrivati dopo che i carabinieri di Monza avevano messo in relazione una serie di scenari anomali su tutto il territorio.

Agli atti dell'inchiesta c'è anche una telefonata tra Massimo Ponzoni, l'ex golden boy del Pdl e Antonino Brambilla (anche lui indagato per corruzione). Al telefono Ponzoni dice a Brambilla che Antonicelli è osteggiato da Paolo Romani (il plenipotenziario di Berlusconi a Monza) perché ha messo le mani sull'Aler, considerata un bacino importante di voti. Oltre all'assessore Antonicelli nell'inchiesta è coinvolto un ex consigliere comunale di Milano, Renzo Di Biase (Pdl) in carica tra il 2009 e il 2011 e che sarebbe stato favorito nelle elezioni, anche se i pm non escludono che lui stesso non ne fosse consapevole. Al momento Di Biase non è indagato.

Leggi i commenti

Castelletto t.: auto contro un palo della luce

Pubblicato su da Ugo Pennati

Leggi i commenti

Ural Foto

Pubblicato su da Ugo Pennati

Leggi i commenti

Farid IF

Pubblicato su da Ugo Pennati

Farid IF

Leggi i commenti

RED AND WHITE SONOMA COUNTRY

Pubblicato su da Ugo Pennati

Leggi i commenti

<< < 10 20 30 40 50 60 61 62 63 64 65 > >>