Overblog
Segui questo blog Administration + Create my blog

video

Agorà : Il reddito minimo di cittadinanza in Olanda 28/03/2013 (Video)

Pubblicato su da Grunf

Spiegatelo a quei BUFFONI dei nostri politici !!!

Leggi i commenti

Cane si tuffa e salva gli amici. Il video commuove il web (Video)

Pubblicato su da Grunf

Leggi i commenti

Precaria fa causa a call center, condannata a pagare le spese processuali (Video)

Pubblicato su da Grunf

Sette contratti in un anno per poi essere lasciata a casa. Così una precaria ha fatto causa al call center per cui lavorava. Peccato che il tribunale di Torino non solo le abbia dato torto, ma l'ha anche condannata a risarcire le spese legali.

" La Com data? ..buono a sapersi"

Pensa te a che punto siamo arrivati... i tribunali che in combutta con le ditte del cazzo cercano di affossare anche gli ultimi diritti che hanno i dipendenti..

Leggi i commenti

Torino : LA MARCIA DEGLI INVISIBILI (Video)

Pubblicato su da Grunf

Eva Giovannini a Torino

 

raccoglie le

 

testimonianze degli invisibili, i

 

nuovi poveri

Leggi i commenti

Firenze - Il terreno cede in piazza Poggi: si apre voragine sotto furgoncino (Video)

Pubblicato su da Grunf

Leggi i commenti

PETA A PMK: ANIMALI MALTRATTATI PER FARE LE SCARPE DI BEYONCE'

Pubblicato su da Grunf

***ATTENZIONE VIDEO MOLTO CRUDO***

PICCHIATI E SCORTICATI VIVI". LETTERA DI DIFFIDA (VIDEO)

Incredibile ma vero. L'azienda produttrice di scarpe PMK ha progettato un paio di scarpe da ginnastica per Beyoncé, chiamate "King Beys", fatte di peli di vitello e pelli di coccodrillo, anaconda, pastinaca e struzzo. L'azienda ha iniziato la vendita delle scarpe sul proprio sito web e, incredibilmente, ha rassicurato i consumatori sul fatto che "nessun animale è stato picchiato, ferito e ucciso" per le scarpe. La denuncia arriva dalla Peta. Ecco che, in risposta, un consulente legale dell'associazione animalista internazionale ha inviato una lettera di diffida ad Andre Scott, CEO di PMK, chiedendo all'azienda di smettere immediatamente di rilasciare dichiarazioni false e fuorvianti per i clienti e minacciando un'azione legale.
E non solo. Peta va all'attacco: "Se Scott e altri dirigenti hanno dei dubbi, suggeriamo loro di guardare i video dal titolo "Orrori a sangue freddo" di Joaquin Phoenix, che mostrano come molti degli animali esotici che hanno usato sono stati picchiati, pugnalati e scorticati vivi".
PMK - fanno sapere gli animalisti - non è una società da manuale. Il 23 gennaio, il procuratore generale dell'Ohio ha intentato una causa contro l'azienda e Scott per violazione delle leggi di tutela del consumatore. L'azione legale sostiene che i consumatori abbiano pagato ma mai ricevuto i prodotti o eventuali rimborsi da parte della so
cietà.

Leggi i commenti

Omicidio in ascensore. Con telecamera (Video)

Pubblicato su da Grunf

C'è chi scappa urlando, chi cerca di bloccare l'assassino, chi rimane quasi indifferente, chi addirittura si mette a riprendere la scena con il telefonino. Davanti a... un omicidio in corso. Simulato, per fortuna. Ecco due ragazzi che nascondono la telecamera in un ascensore e registrano le reazioni della gente davanti a questa scena raccapricciante. Per chiedere a chi guarda il video online: "E tu, cosa faresti nella stessa situazione?"

Leggi i commenti

PROPOSTA DI LEGGE A FIRMA BRAMBILLA: IL CAVALLO DIVENTI ANIMALE D'AFFEZIONE (Video)

Pubblicato su da Grunf

Riconoscere cavallo, asino, mulo e bardotto come animali da compagnia, vietarne la macellazione, l'importazione e l'esportazione a fini alimentari, vietare la vendita e il consumo della carne equina, vietare l'utilizzazione degli equidi in spettacoli o manifestazioni pericolose o degradanti, assicurare la tracciabilità dei cavalli attraverso interventi sull'anagrafe equina. E' il contenuto della proposta di legge che l'on. Michela Vittoria Brambilla, in rappresentanza della Federazione Italiana Associazioni Diritti Animali e Ambiente, depositerà a sua firma all'insediamento del parlamento e che ha illustrato oggi a Milano insieme con Antonio Nardi-Dei, presidente di Italian Horse Protection, prendendo spunto dallo scandalo delle "lasagne al cavallo" che interessa numerosi Paesi europei.
In attesa di una soluzione definitiva del problema, la Federazione ha intanto chiesto ai ministri della Salute e delle Politiche agricole di sospendere cautelativamente le importazioni di cavalli vivi e di carne di cavallo, quantomeno dai Paesi che non danno sufficienti garanzie per la salute dei consumatori.
Allo stato attuale, infatti, non solo non c'è obbligo normativo di indicare la provenienza della carne di cavallo commercializzata nel nostro Paese (come ad esempio è invece per la carne bovina per la quale viene tracciata l'intera filiera), ma vi è il ragionevole sospetto che all'estero o anche in Italia, dato la confusione regnante nella nostra anagrafe equina, finiscano nella catena alimentare animali trattati con sostanze pericolose per la salute umana.
"Nei confronti del cavallo, l'uomo mostra spesso il peggio di sé, tradendo il suo patto plurimillenario con un vero amico – afferma l'.on. Brambilla - Da sempre accanto al lui, per offrirgli la collaborazione in battaglia, nei lavori agricoli, come mezzo di trasporto e come amico fedele, questo meraviglioso animale continua ad essere sfruttato in mille modi: nei circhi, sulle piste delle ippodromi ufficiali, magari obbligato a rigide ed innaturali discipline agonistiche; nelle corse clandestine; sui sampietrini romani (e non solo) a trascinare carrozzelle sotto la pioggia o con il caldo torrido; lanciato a folle velocità sui tracciati medievali dei palii. Nella maggior parte dei casi, con il macello come ultima stazione, magari dopo avere affrontato interminabili viaggi dall'est in condizioni degradanti.
Da noi, è una specie animale sfruttata - letteralmente – fino all'osso: mentre nel mondo anglosassone mangiare il cavallo è quasi inconcepibile – in alcuni Stati americani è addirittura illegale, l'Italia vanta invece il triste primato di maggiore consumatore di carne equina di tutta l'Europa".
Quindi è necessario cambiare l'inquadramento normativo attuale, che identifica il cavallo come "animale da reddito", estendo a questo meraviglioso animale tutte le tutele necessarie. La proposta di legge dell'ex ministro del turismo, oltre a riconoscere il cavallo come animale d'affezione (con tutto quello che comporta in termini di divieto di maltrattamento, di sfruttamento, di macellazione e di importazione ed esportazione di cavalli a fini alimentari), fissa criteri per la custodia e la cura degli equini, spesso detenuti in condizioni non adeguate. Istituisce un registro anagrafico degli equini presso le Asl che dia garanzia di tracciabilità e riconducibilità all'effettivo proprietario o possessore. Regola le modalità di addestramento. Abolisce le aste di equini di proprietà delle Forze armate e di altri enti pubblici, che potranno essere affidati ad associazioni. Per gli equini anziani o malati prevede convenzioni con strutture private o veri e propri "pensionati". Introduce inoltre sanzioni per chi viola la legge e il rafforzamento dell'istituto della confisca.
Oltre a Nardi-Dei, erano presenti e sono intervenuti Nadia Zurlo di Lav, Laura Rossi della Lega del cane, Sergio Sellitto, vicepresidente nazionale dell'Enpa, Alessandra Roma di SOS Levrieri (altra spe
cie animale sfruttata per le corse).


Proposta di Legge Brambilla e nota informativa.doc

Leggi i commenti

Tu mi tesseri, io non ti voto: ultras bruciano schede (Video)

Pubblicato su da Grunf

Mille "astensionisti" contro la tessera del tifoso. Potrebbe racchiudersi in questo titolo il forte gesto polemico scelto da un migliaio di tifosi del Napoli che, domenica sera, in quel di Piazza Plebiscito hanno bruciato le loro tessere elettorali al grido "Tu mi tesseri, io non ti voto".

„La manifestazione, annunciata già nei giorni scorsi con manifesti affissi in città, si è svolta senza nessun problema di ordine pubblico.“

„Alcuni ultrà hanno stracciato e bruciato le tessere elettorali spiegando che la manifestazione è nata per protestare solo contro l'obbligo del tesseramento. Insomma la manifestazione non ha alcuna connotazione politica.“

Leggi i commenti

Spagna: manifestazioni contro l'austerità (Video)

Pubblicato su da Grunf

In migliaia hanno manifestato a Madrid contro il "golpe finanziario", nel giorno in cui cade il trentaduesimo anniversario del tentato Colpo di Stato militare in Spagna.

È una protesta contro l'austerità e contro i tagli decisi altrove prima che a Madrid, una protesta contro la finanza internazionale e l'Europa, oltre che contro la politica di rigore applicata dall'esecutivo spagnolo.

Manifestazioni si sono tenute anche in decine di altre città e di fronte alle ambasciate spagnole all'estero.

L'iniziativa, battezzata "marea cittadina", è stata promossa via internet, ed hanno poi aderito anche sindacati ed associazioni.

Leggi i commenti

<< < 1 2 3 4 5 6 7 8 9 10 20 > >>